logo.png

27 marzo 2012 Scritto da 0 | Volley

Bovolenta morto per cause naturali

Tags: ,

Bovolenta morto per cause naturali Si è appena conclusa l’autopsia sul corpo di Vigor Bovolenta, il pallavolista ex-azzurro morto subito dopo il malessere accusato in campo durante la partita tra la Lube e la sua Forli nella partita di campionato di serie B2. Nei giorni scorsi si era parlato di arresto cardiocircolatorio, ma per sapere cosa avesse causato lo stop era necessario aspettare l’autopsia, conclusa intorno alle 13:00 dopo oltre 2 ore e mezza. I particolari non sono stati resi noti, i medici hanno solo detto che si è trattato di morte per cause naturali. Il primo a uscire dall’ospedale di Macerata è stato il tossicologo Rino Froldi, che ha detto di non poter rilasciare dichiarazioni. L’esame autoptico è stato disposto dal pm Claudio Rastrelli ed eseguito dal medico legale Mariano Cingolani, dell’Università di Macerata, e dallo stesso Froldi.

Bovolenta morto per cause naturali

Bocche cucite, quindi, nonostante tutti sono concordi nel sottolineare come il giocatore avesse sempre superato gli esami obbligatori a livello agonistico, sottolineando che l’aritmia riscontratagli a metà degli anni 90 e che lo aveva costretto lontano dai campi per qualche mese, era un problema completamente superato. Nella primavera del 1998 Vigor Bovolenta soffrì di un’infiammazione al cuore che provocava extrasistole. Era sotto controllo (aveva l’idoneità temporanea, doveva sottoporsi a esami ogni sei mesi, ma sempre confermata, tanto che non gli fu mai impedito di giocare), sottoposto a una lunga serie di esami da cui emerse che era tutta colpa di un virus. Le extrasistole, comunque, non hanno nulla a che vedere con il problema cardiaco che l’ha ucciso sabato sera. Rimangono dunque le perplessità sulla morte del “Bovo” perchè parlare di morte naturale a soli 37 anni francamente è un più che un paradosso.

Bovolenta morto per cause naturali cosa ne pensi?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>