19 marzo 2012 Scritto da ClaudioGervasio 0 | Napoli

Udinese Napoli un punto importante in chiave scontri diretti

Tags:

Udinese Napoli un punto importante in chiave scontri diretti allo stadio Friuli di Udine è andato in scena un vero spareggio per la Champions League tra Udinese Napoli anche dopo il risultato della Lazio, sconfitta a Catania 1-0. Le due squadre volevano riscattare le ferite delle Coppe Europee. Nei primi 15 minuti, il Napoli sembrava ripetere la stessa partita di Londra con ottimo predominio territoriale, ma con poca finalizzazione. Al 10°minuto del primo tempo conclusione di Cavani che si rilevava troppo debole con la palla che andava a lato. Al 15°minuto esatto ecco arrivare la prima conclusione dell’Udinese con Pasquale che sfruttava gli errori difensivi del Napoli, ma la palla veniva deviata in calcio d’angolo. Nella fase centrale della partita, le due squadre sbagliavano molto a centrocampo ed era più una partita basata sulla tattica che sul bel gioco.

Udinese Napoli un punto importante in chiave scontri diretti

Al 25°minuto del primo tempo brutto fallo di Coda su Cavani, che restava a terra con la caviglia destra indolenzita per più di due minuti. Al 27°minuto la punizione di Dzemaili andava di poco a lato. Mentre la regia di Mediaset Premium indugiava sull’uruguagio infortunato, ecco che l’Udinese in contropiede trovava il goal del vantaggio sulle solite disattenzioni difensive del Napoli, con Fabbrini che sfuggiva a P.Cannavaro e metteva in mezzo un pallone che Pinzi depositava in rete davanti a De Sanctis , con Campagnaro che anche lui non copriva bene sulla traiettoria del goal. A questo punto il Napoli era in bambola e reagiva solo con la forza di nervi. Da segnalare solo una bella conclusione di Gargano al 41°minuto con Handanovich che respingeva .A fine primo tempo si vedeva la mancanza del Napoli dei due tenori e soprattutto di Maggio abile sia sui calci piazzati , che in fase attiva e passiva. Nella ripresa il Napoli iniziava come il primo tempo continuando a soffrire infatti al 51°minuto, l’Udinese si riportava in vantaggio con Di Natale che in 2 anni segnava il suo 8° goal alla squadra della sua provincia, non esultando nemmeno per rispetto dei tifosi napoletani, raccogliendo la respinta sulla traversa del colpo di testa di Pinzi. Nemmeno un minuto di gioco che il Napoli rischiava di capitolare con un altro errore di Zuniga sulla fascia sinistra, ma Pinzi al centro non era lesto nel mettere in rete .Nel Napoli Mazzarri inseriva anche Hamsik al posto di Gargano. L’episodio che poteva cambiare la partita veniva al 60°minuto, Rocchi forse esagerando espelleva Fabbrini per doppio giallo per un fallo veniale su Campagnaro, che provocava l’ira di tutto lo stadio, con cori di scherno verso i napoletani ed anche in qualche caso con cori razzisti. Al 63°minuto il secondo cambio di Mazzarri fuori Britos dentro Vargas con la difesa che passava a quattro. Al 74°minuto il Napoli poteva accorciare le distanze per la concessione di un calcio di rigore per fallo di mani di Domizzi, anche questo apparso molto dubbio per fallo di P.Cannavaro in precedenza sull’ex napoletano, ma Cavani sbagliava il 5 °rigore su 8 che ha avuto il Napoli tirando centralmente su Handanovich.All’81°minuto, il bomber uruguayano si riprendeva tirando una grande punizione ed accorciando le distanze., sulla quale però c’è ancora un errore di Rocchi che non espelleva Domizzi per doppia ammonizione per un fallo brutto su Dzemaili. In precedenza entrato Floro Flores al posto di Di Natale .All’84°minuto il Napoli perveniva addirittura al pari con Cavani per la sua personale doppietta.All’88°minuto il Napoli dopo che l’Udinese era in dieci uomini aumentava il raggio d’azione provando a vincere la partita con un’occasione sui piedi di Zuniga ma bravo era Handanovich a respingere. Nei tre minuti finali di recupero, da segnalare solo lo stupido giallo a Floro Flores. Alla fine l’ assedio azzurro non portava a niente di buono. Per il Napoli la soddisfazione di aver avvicinato la Lazio di un punto e di avere il vantaggio con L’udinese per la classifica avulsa. Nelle dichiarazioni finali hanno parlato per l’Udinese il presidente Pozzo, Guidolin ed Handanovich per il Napoli solo Mazzarri e Cavani .Cavani ha confermato che il Napoli ha conquistato un prezioso pareggio e che deve trovare la condizione fisica necessaria per approdare a Roma in finale di Coppa Italia, per il ritorno di mercoledi’ sera contro il Siena. Mazzarri invece ha dichiarato di aver sofferto l’assenza di Maggio per le sue qualità atletiche e di aver visto un bel Napoli soprattutto nel primo tempo, ma ha anche confermato che la squadra deve avere la dote del cinismo, aggiungendo di non voler parlare dell’operato dell’arbitro. Sul mancato utilizzo di Fernandez ha detto che è giovane e non lo vede ancora pronto. Pozzo si è lamentato soprattutto per l’espulsione di Fabbrini, dicendo che Rocchi era furi forma e che ha condizionato il risultato sul 2-2.Handanovich invece ha dichiarato di volersi soffermare solo sulla prestazione. Guidolin ha confermato di essere spaventato della forza del Napoli, che è stata una bella partita, che la sua espulsione è frutto di una decisione del quarto uomo e che l’espulsione di Fabbrini ha favorito il Napoli.

Udinese Napoli un punto importante in chiave scontri diretti cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *