23 gennaio 2012 Scritto da 0 | Napoli

Siena Napoli un punto fortunato

Tags:

Siena Napoli un punto fortunato. Oggi pomeriggio allo stadio Artemio franchi di Siena si è giocata Siena Napoli. La squadra di Mazzarri voleva vincere per sperare ancora nel terzo posto. Il Siena dio Sannino invece voleva vincere per la salvezza. Nei primi minuti due punizioni pericolose per parte per due falli id mano, vanno vicini al goal d’Agostino per il Siena e pandev per il Napoli. Nei minuti successivi emergono le difficoltà del Napoli, una squadra che con le piccole si fa sempre imbrigliare, infatti basta che gli allenatori blocchino le fasce e il sistema del gioco del Napoli che non cambia mai sia fluido. I partenopei pagavano gli errori in fase offensiva di Hamsik e le precarie condizioni fisiche di Campagnaro, Inler e Maggio. Al ventiduesimo minuto miracolo di Pegolo su una girata di Cavani. Sul calcio d’angolo seguente bravissimo Vitiello con n tocco di mano fortuito a salvare il Siena dopo un colpo di testa di Campagnaro. Al ventinovesimo minuto buona punizione per il Napoli battuta da Gargano sula barriera. Al quarantesimo minuto del primo tempo Calaiò con n bel tiro da centrocampo , con la palla di poco alto. Verso la fine del primo tempo ancora un brutto svarione della difesa del Napoli, con P.Cannavaro che con un errore liberava da solo l’ex Calaiò che graziava De Sanctis facendo il cucchiaio e la pala rimbalzava sula traversa, con Aronica che buttava la palla in calcio d’angolo.

Siena Napoli un punto fortunato

Nella ripresa prima un occasione senese con Brienza, in seguito Cavani con una bela girata al quinto minuto, chiamava di nuovo in causa Pegolo. Al decimo minuto Napoli a trazione anteriore con Mazzarri che inserisce Lavezzi per Gargano , arretrando Hamsik in mediana e giocando con le tre punte avanti. In dieci minuti con l’entrata del Pocho il Napoli si fa piu’ pericoloso, con una bella occasione per Dossena con un tiro che finisce a lato, da registrare anche un brutto i fallo di Pesoli sul Pocho. Al ventiduesimo minuto della ripresa dopo buone occasioni per il Napoli, ecco il vantaggio Senese con Calaiò che sfruttava un errore di tutta la difesa partenopea su assist di Brienza. A questo punto Mazzarri correva ai ripari inserendo Zuniga e Dzemaili per gli inguardabili Campagnaro ed Inler cambiando modulo con la difesa quattro. M aera ancor ail Siena che ala mezz’ora della ripresa sfiorava ancora il goal .Dopo un avvio di partita a corrente alternata Dzemaili incominciava a prendere campo. Alla mezz’ora sempre della ripresa, il Napoli aveva finalmente un rigore dopo che gli erano stati negati almeno altri due, per atterramento di d’agostino che ha protestato molto su lavezzi, ma Cavani sbagliava il rigore, manifestando ancora di piu’ la giornata grigia del Napoli. Al trentasettesimo minuto deviazione di Terzi su un tiro di Pandev apparso anche un po’ nervoso. Al quarantesimo minuto della ripresa finalmente il pareggio del Napoli con Pandev bravo a girare di testa un cross di Dossena. Il Napoli rischiava di subire anche un nuovo vantaggio senese, ma all’ultimo minuto Pandev sfiorava il goal vittoria per il Napoli, ma dopo quello visto in campo sarebbe stato davvero troppo. Nelle dichiarazioni di fine gara parlavano per il Napoli mazzarri e Maggio, mentre per il Siena Sannino e Calaiò. Inispiegabili davvero le dichiarazioni del tecnico azzurro che hanno fatto infuriare giustamente i tifosi, dicendo che il Napoli per caso l’anno scorso si è trovato per caso in Champions e che il valore della squadra si è da sesto settimo posto. Cosi’ come il monte ingaggi della società, sparando anche a zero sui meccanismi societari .In piu’ diceva che secondo lui la squadra ha giocato bene, pur consapevole di aver fatto degli errori. Aggiungendo anche che il Napoli non doveva vincere lo scudetto. Maggio invece era ottimista per il futuro, pur consapevole del momento in cui alla squadra non gira bene e che il Siena h amesso in difficoltà gli azzurri. Calaiò era rammaricato per il goal del pareggio subito alla fine, per una vittoria che sarebbe stata astorica, ma era consapevole che il Napoli fosse una squadra forte, come quando si è visto con l’entarat di Lavezzi che ha fatto la differenza. Sannino invece faceva i comp0lòimenti per la cornice dei tifosi ed era contento della prestazione offerta dai suoi contro una grande squadra. Alla fine ammetteva la sofferenza della sua squadra visto le energie sprecata negli ultimi dieci minuti quando il Napoli ha stretto alle corde il Siena, dicendo che forse la sua squadra meritava la vittoria.

Siena Napoli un punto fortunato cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *