15 marzo 2012 Scritto da Claudio Gervasio 0 | Napoli

Napoli ad un passo dalla storia

Tags:

Napoli ad un passo della storia allo Stamford Bridge si è giocato il ritorno degli ottavi di finale tra Chelsea-Napoli. I partenopei si sentivano abbastanza sicuri per i due goal di vantaggio dell’andata, anche se come abbiamo visto con la partita del Milan in Inghilterra non si può mai stare tranquilli. Nei primi 20 minuti ottimo Napoli con delle occasioni due con Cavani e con Hamsik e Lavezzi, su cui era anche bravo Cech. Alla prima fiammata dei blues ,Chelsea in vantaggio su un cross di Ramires P. Cannavaro e Aronica guardano letteralmente Drogba che di testa è bravissimo ad indovinare il tempo e a battere De Sanctis. Prima della mezz’ora, ancora un ottima occasione per il Napoli con Cavani che in contropiede sbagliava il primo controllo si allargava e cercava il secondo palo con il destro pala di poco a lato, anche se forse era meglio passare a Lavezzi. Prima del riposo ancora grande occasione per il Chelsea, Drogba lasciato colpevolmente solo da Campagtnaro, tirava a botta sicura con un gran salvataggio di P.Cannavaro. Pronti via nella ripresa ecco il 2-0 del Chelsea da un calcio d’angolo regalato da Campagnaro, Terry di testa batteva De Sanctis.Pronta la risposta del Napoli con il tiro di Inler che poteva regalare la qualificazione ai partenopei.

Napoli ad un passo dalla storia

Per un secondo tempo tutto da vivere. Nella parte centrale della ripresa, Mazzarri sbagliava a non cambiare nessuno utilizzando solo il cambio forzato Dossena-maggio per una forte contusione ala tibia occorsa al forte esterno destro vicentino. Subito dopo grande parata Di De Sanctis su una girata al volo di Drogba destinata all’angolino basso. Di Matteo in precedenza utilizzava il suo primo cambio inserendo Torres per Sturridge. Ma al 75°minuto della ripresa, un altro errore di inesperienza di Dossena portava il Chelsea a d avere l’occasione su calcio di rigore per fallo di mano dell’esterno lombardo, sul seguente rigore Lampard non sbagliava. A questo punto il Napoli per evitare i supplementari si gettava a capofitto, senza però riuscire a segnare un goal nelle due occasioni avute una con lavezzi che per poco non arrivava di testa su un cross proevniente da sinistra e con un tiro da 30 metri di Gargano di poco a lato. Durante i tempi supplementari cambio ancora per Di Matteo, fuori Cole dentro Bosignwa, con lo spostamento di Ivanovic centrale. Brividi nella parte centrale del rpimo tempo supplementare del Napoli con un ‘uscita maldestra di De Sanctis su un lancio lungo, facendosi scavalcare dal pallone dando la possibilità a Torres di battere a rete conl a porta spalancata. Al 105°minuto ecco il goal beffa sull’ennesima disattenzione difensiva del Napoli ecco il goal che chiudeva la partita con Ivanovic lasciato colpevolmente solo dalla retroguardia partenopea. Nel secondo tempo supplementare Mazzarri tardivamente inseriva Pandev pe Hamsik e Vargas per Aronica, ma il Chelsea controllava la partita e dopo i due minuti finali di recupero al 122°minuto ecco la delusione partenopea con i circa 3000 mila tifosi azzurri al seguito. Ancora una volta si sono visti errori di inesperienza internazionale , questa volta anche del tecnico azzurro Mazzarri che ha sbagliato tutti i cambi. Nelle interviste post agra hanno parlato il tecnico italiano del Chelsea di Matteo , De Laurentis E MazzarrI. Mazzarri ha ammesso gli errori di inesperienza internazionale, di essere dispiaciuto perché la sua squadra ha dato tutto per essere uscito dalla Champions e di lavorare ora a Castelvolturno sulle palle inattive. Il presidente De laurentis invece ha fattoi complimenti all’arbitraggio, aggiungendo anche che ora bisogna pensare a tornare in Champions dando spinta per la trasferta di Udine e di cercare il raggiungimento della finale di Roma, dove a Napoli è molto attesa, Di Matteo invece era contento pe runa storica qualificazione, dopo una battaglia contro n’ottima squadra e spiegando che la forza del Chelsea è il gruppo.

Napoli ad un passo dalla storia cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *