21 marzo 2012 Scritto da 0 | Calcio, Napoli

Il Napoli raggiunge la Juve in finale di Coppa Italia

Tags: ,

Il Napoli raggiunge la Juve in finale di Coppa Italia Sarà Napoli-Juventus la finale 2012 di Coppa Italia. E comunque vada è già assicurato un posto in Europa League anche se le due squadre puntanto decisamente al traguardo Champions. E’ finale dopo 15 anni per il Napoli. L’ultima Coppa Italia con gli azzurri in campo in finale è stata nel 1997, quando vinse il Vicenza. Il Siena si è arreso dopo il 2-1 dell’andata pagando un primo tempo arrembante della squadra di Mazzarri, in gol con un’autorete di Vergassola e un gol di Cavani e poi tanta sofferenza con un Siena generoso, ma poco lucido e poco concreto. Il sogno dei toscani di una finale con la Juve e soprattutto di una qualificazione in Europa si spegne così al San Paolo, ma gli uomini di Sannino devono mangiarsi le mani per come hanno gestito la fase finale del match. Il miglior Napoli possibile si è trovato di fronte un Siena inedito. Fra squalificati e indisponibili (D’Agostino, Bolzoni, Calaiò, Angelo e Destro) Sannino ha deciso per un turnover massiccio e ha piazzato Brienza a supporto di Larrondo in un 4-4-1-1, con Gonzalez che si è accomodato in panchina e una squadra zeppa di incontristi con l’evidente intento di bloccare le azioni dei padroni di casa sul nascere e cercare l’impresa per fare la storia. Mazzarri si affida, neanche a dirlo, al tridente Hamsik, Lavezzi-Cavani: bisogna vincere, non c’era alternativa e il San Paolo lo sa (record stagionale di presenze e cornice da brividi).
Alla prima vera occasione gli azzurri colpiscono dopo una decina di minuti. Calcio di punizione di Lavezzi battuto direttamente in area e l’attaccante prova la deviazione con un colpo di tacco, pallone che viene toccato da Vergassola che involontariamente batte il proprio portiere. Il raddoppio arriva da una ripartenza da manuale per il Napoli che arriva in area sull’asse Lavezzi-Hamsik, pallone dentro di prima in area e Cavani batte Brkic, autore di due miracoli proprio sull’uruguaiano e su Inler, per il 2-0. Si fa male Maggio costretto ad uscire e la ripresa vive sul possesso di palla sterile senese che non crea troppi fastidi ad un Napoli comunque in evidente debito d’ossigeno. Il match si trascina così fino alla fine e il San Paolo può finalmente esplodere in un urlo liberatorio.

Il Napoli raggiunge la Juve in finale di Coppa Italia cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *