24 novembre 2011 Scritto da 0 | Champions League, Milan

Milan Barcellona grande partita

Tags: ,

Milan Barcellona grande partita Stasera allo stadio Meazza di Milano si è giocata la 5° giornata del girone di Champions tra il Milan e il Barcellona. Alla vigilia della partita ci sono stati problemi all’esterno dello stadio, dove a seguito di una rissa con un tifoso milanista, un tifoso spagnolo è stato accoltellato. La partita valeva tanto perché si giocava per il primato del girone e per poter evitare le squadre piu’ forti negli ottavi. Subito il Barcellona prendeva le operazioni del gioco mostrando la sua superiorità nel possesso palla. Thiago Silva veniva graziato dal cartellino giallo dall’arbitro Stark dopo un fallo su Messi.

Milan Barcellona grande partita

Ma al quattordicesimo minuto Barcellona già in vantaggio con un autogol di Van Bommel. Nei minuti successivi al goal il Milan rischia di capitolare con le occasioni capitate a Messi e Fabregas, incredibile il goal fallito da Messi, fatto molto inusuale, colpendo una traversa e con Fabregas dove è stato superlativo Abbiati. Diciannovesimo minuto, Robinho dimostra il suo poco senso del goal fallendo l’ennesimo goal da solo davanti alla porta. In seguito dopo un solo minuto al ventesimo il Milan pareggia dopo uno splendido assist di Seedorf per Ibrahimovic che segna alla sua ex squadra. Al ventiquattresimo minuto Aquilani viene ammonito per un brutto fallo e rischia verso la mezz’ora per un “ entrataccia” su Messi. Al trentunesimo minuto un rigore molto dubbio pe runa spinta di Aquilani su Xavi. La pulce batte il rigore ma ferma la rincorsa e l’arbitro finalmente si adegua alle norme Uefa facendo ripetere il rigore come da anni non si vedeva e ammonendo Messi. Sulla ripetizione Abbiati intuisce il tiro ma non può far nulla. Nella seconda metà del primo tempo la partita si incattivisce e fioccano i cartellini da ambo le parti. Dopo il forcing milanista negli ultimi minuti il Barcellona riesce a chiudere in vantaggio il primo tempo ,al Milan manca un rigore in area al quarantesimo per fallo su Robinho. Nei secondi quarantacinque il Milan incomincia a premere sull’acceleratore anche contando il rientro di Pato inserito al posto di Robinho. All’ottavo minuto, il Milan trova il pareggio con una splendida azione di Boateng. Subito dopo cercava il goal che avrebbe permesso al Milan il primato nel girone, ma veniva punita con l’unica azione veramente di nota di Messi che con un passaggio illuminante metteva Xavi, sempre lesto negli inserimenti ,davanti Abbiati e non perdonava. Nella ripresa nel Barcellona si rivedeva anche Sanchez entrato al posto di David Villa. Subito dopo il goal si infortunava anche Nesta e lasciava il posto a Bonera. In seguito entrava anche Nocerino al posto di Van Bommel e ancora una volta il centrocampista napoletano dimostrava di aver acquisito l’esperienza necessaria per giocare in questi palcoscenici. Nella seconda parte del secondo tempo emerge la maggior qualità del possesso palla dei blaugrana e il tanto agonismo in campo per l’importanza della partita tra due grandi squadre. Il Milan ha anche l’occasione buona capitata al giocatore sbagliato un difensore Bonera. I rossoneri ci provano fino all’ultimo, ma anche contando un Pato non ancora in forma dopo l’infortunio non riescono ad impattare. A fine gara comunque tra i rossoneri traspariva ottimismo con Ibrahimovic che senza rancore salutava i suoi ex compagni nonostante le frasi poco carine sulla sua sua biografia e lo svedese elogiava la sua squadra. Allegri questa volta appariva perfezionista nonostante il valore della squadra avversaria piu’ forte la mondo, dai suoi voleva qualcosa in piu’.Galliani era convito del valore del Milan in Champions ed era disponibile ai microfoni Rai a spiegare i criteri di qualificazione del ranking , palesando preoccupazioni per il rendimento dell’Italia in Europa League, visto che in Champions è quasi sempre dignitoso con tre squadre qualificate agli ottavi. Per gli spagnoli a parlare è Mascherano che confermava che la partita è stata difficile. Alla fine al Milan è veramente mancato poco. Invece il Barcellona ha dato ancora una volta una lezione di gioco anche senza un grande giocatore come Iniesta ma sfruttando un prodotto della sua cantera Thiago Alcantara.

Milan Barcellona grande partita cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *