17 maggio 2011 Scritto da 0 | Lazio

La carica di Hernanes e i propositi per il 2012

Tags:

Nonostante il quasi impossibile approdo in Champions League in casa Lazio non si ha voglia di essere disfattisti. Ed è proprio per bocca di Hernanes, l’uomo in più dell’ultima stagione biancoceleste capace di regalare con i suoi numeri e i suoi gol molti meritati successi, che si tracciano le linee guida per la prossima stagione. Il profeta, anche con un filo di rammarico, ci tiene a rimarcare l’ottima stagione che sta per volgere al termine della sua squadra, una stagione in cui se la Lazio avesse espresso tutto il suo valore sarebbero state ben altre le posizioni in classifica. Ma con i se e con i ma non si va da nessuna parte. E questo il Profeta al suo primo anno di Lazio lo sa bene. Come sa che è anche e forse soprattutto merito suo se una squadra che lo scorso anno ha lottato e stentato per ottenere una tranquilla salvezza, ora, ad una gara dal termine del campionato, si gioca la seppur complicata qualificazione in Champions con l’Udinese. E’ la mentalità del resto, al di là degli uomini, al di là degli schemi, che rende una squadra vincente o meno. Quella cosiddetta fame calcistica di vittorie che separa il trionfo dall’oblio. Hernanes quest’anno è giunto a 11 gol in campionato, eguagliando nella storia della Lazio il centrocampista con la più alta media realizzativa in un singolo campionato, quel Pavel Nedved entrato giustamente nei cuori dei tifosi laziali e di cui Hernanes ha preso metaforicamente il testimone, sobbarcandosi spesso, unico e solo, la squadra sulle spalle nei momenti di difficoltà. Per il prossimo anno i propositi del Profeta sono chiari. Migliorare l’attuale situazione di classifica e cercar ulteriormente di migliorarsi come calciatore. Sperando che il suo di miglioramento coincida anche con una manovra più fluida della squadra capitolina. La Lazio ed Hernanes se lo augurano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *