29 aprile 2011 Scritto da 0 | Calciomercato, Notizie

Tutti i possibili affari delle italiane

Tags: , , ,

Il campionato sta per volgere al termine e a tener banco, di qui a poco, sarà il calciomercato . Trattative, contratti, colpi milionari , ma anche parametri zero. La prossima sessione estiva di calciomercato vedrà le principali squadre italiane gettarsi alla ricerca del colpo con l’intento di rinforzarsi e puntare alla vittoria di qualche “titulo”, per dirla alla Mourinho. Partiamo dai futuri( salvo clamorosi colpi di scena) vincitori dello scudetto 2010/2011, il Milan. La squadra rossonera, nella prossima stagione, proverà a vincere anche in Europa e per raggiungere l’obiettivo Galliani e Braida si sono già messi all’opera. Preso Mexes a parametro zero, l’obiettivo principale della campagna acquisti milanista è il brasiliano del Santos Paulo Henrique, detto Ganso. Il talentuoso trequartista ha lasciato intendere che nel suo futuro c’è l’Italia, ma non ha ancora sciolto i suoi dubbi su quale sarà la sua prossima squadra. Oltre al Milan, infatti anche l’Inter è sulle tracce del brasiliano con Leonardo che sta provando a recuperare il terreno perduto. La squadra rossonera, però, sembra troppo avanti nella trattativa, tanto che, per alcuni esperti di calciomercato, Ganso è praticamente già un calciatore del Milan. Fitte sono anche le voci di un possibile approdo, tra le fila rossonere, dell’esuberante terzino sinistro Taiwo. Il nigeriano, però, è extracomunitario e dunque non potrebbe essere tesserato. L’ostacolo è facilmente risolvibile, Taiwo gioca in Francia da cinque anni e per legge può richiedere il passaporto francese, cosa che permetterebbe al Milan di tesserarlo come comunitario. I tanti acquisti , però, implicano anche delle cessioni e in tal senso qualche senatore rossonero potrebbe lasciare la truppa allenata da mister Allegri. Il candidato numero uno è Pirlo, che guadagna 6 milioni netti a stagione, cifra ritenuta eccesiva per il nuovo corso intrapreso da Galliani &co. e anche in vista del fairplay finanziario. Con le valige pronte c’è anche Seedorf allettato dall’ipotesi di giocare in Brasile. La corte spietata di Ronaldo e del Flamengo ( dove gioca l’amico Ronaldinho) si fanno sempre più insistenti e stanno minando le certezze del campione olandese. Passando all’Inter, quella nerazzurra non stata un’annata facile. Prima Benitez e poi Leonardo si sono trovati in mano una squadra demotivata, ma questo era anche preventivabile dopo che nella stagione precedente si è vinto tutto ciò che c’era da vincere. Il problema sta, però, nel fatto che Mourinho ha lasciato ai suoi successori una squadra logora e sfinita. Molti calciatori presenti nella rosa neroazzurra sono degli over 30, mentre altri sono ancora da far maturare(come Coutinho, grandi potenzialità, ma non ancora pronto per una squadra come l’Inter). In estate dunque Moratti e Leonardo dovranno fare scelte ponderate e soprattutto drastiche. Alcuni big lasceranno la squadra e gli indiziati principali sono Maicon e Milito. Il brasiliano sta per concludere la peggiore stagione in nerazzurro dal suo arrivo nel 2006. In Spagna c’è Mourinho che lo aspetta a braccia aperte. Per quanto riguarda Milito, da valutare sono le condizioni fisiche. Cinque infortuni in un anno non sono pochi e poi l’età è un fattore determinante. El Principe, infatti si avvia verso i 33 anni e l’Inter ha già in casa il suo erede, quel Giampaolo Pazzini che bene ha fatto dal suo arrivo. Negli ultimi giorni si parlava anche di una offerta di 28 milioni di euro del Manchester United per Wesley Sneijder, l’olandese però ha ribadito la voglia di restare a Milano e dunque non lascerà l’Inter. I soldi ricavati dalle cessioni saranno subito investiti per rinforzare e ringiovanire la rosa. Come detto l’obiettivo è Ganso, ma l’Inter si sta muovendo anche per Alexis Sanchez. El Nino Maravilla ha dimostrato di essere un giocatore completo, ha grinta, corsa e senso del gol. Può fare il trequartista, la seconda punta e anche la prima punta all’occorrenza. A centrocampo va di moda il nome di Nuri Sahin del Borussia Dortmund, ma non sono da tralasciare le piste che portano a Montolivo della Fiorentina e Parolo del Cesena, anche se in realtà il vero sogno di Moratti si chiama: Cesc Fabregas. Il Napoli quest’anno è andato al di là di ogni rosea aspettativa. Ha disputato un campionato eccezionale e con la conquista della Champions League, il presidente De Laurentiis dovrà mettere mano al portafoglio per rendere la rosa più lunga e competitiva. Preso già a Gennaio il nuovo Samuel, Federico Fernandez, la difesa sembra a posto così, visto anche l’arrivo di Victor Ruiz. A centrocampo si dovrebbe aggiungere un po’ di qualità e in tal senso si sta muovendo Bigon che ha già bloccato Inler dell’Udinese, ma sul costo del cartellino c’è ancora da discutere. In attacco servirà un sostituto di Cavani, che sappia fare gioco di squadra e segnare tanti gol, ecco spuntare dunque il nome dell’argentino del Catania, Maxi Lopez: 11 reti in 17 gare la scorsa stagione e “solo” 10(contando anche le due reti segnate in coppa Italia) in questa stagione; un bottino niente male per un attaccante che è in Italia da poco più di un anno. La Juventus è riuscita a migliorarsi…in negativo, ha disputato una stagione peggiore di quella scorsa con la magra consolazione di aver posto le basi per la prossima: senza coppe(oggi come oggi la Juventus è settima in campionato e rischia seriamente di non avere coppe da disputare) e con un mercato oculato si possono puntare grandi traguardi, anche se sembra molto difficile. Non arrivata, infatti, la qualificazione in Champions ( 7 punti dalla Lazio con solo 4 partite da disputare sono molto difficili da recuperare) il mercato della Vecchia Signora sarà mirato a riscattare solo chi ha dato garanzie per la prossima stagione. Il primo a non essere riconfermato sarà il tecnico Del Neri che ha deluso le aspettative. Al suo posto la dirigenza bianconera sta pensando a Roberto Mancini, anche se l’ingaggio che percepisce al City è troppo elevato per i parametri fissati dal Presidente Agnelli; ecco dunque che si fa sempre più viva la possibilità di vedere Antonio Conte al timone della nuova Juventus. Gli unici ad essere riscattati, tra i calciatori, saranno Matri (7 reti da quando è in bianconero) e Quagliarella. Per Aquilani il discorso è differente, la Juve lo vuole, ma non alle cifre dettate dal Liverpool. Per quanto riguarda le cessioni, sembra scontata quella di Gigi Buffon che, in più di una occasione, ha mostrato delle crepe nel rapporto con la nuova dirigenza. Il portierone italiano ha sul piatto un’offerta del Manchester United e una della Roma. La Roma all’americana di DiBenedetto vuole rifondarsi partendo proprio dal numero uno per eccellenza, ma il tutto però si scontra con la cifra fissata dalla Juventus: ben 40 milioni di euro. Raggiunto l’accordo con brasiliano Michel Bastos, il vero sogno del DS Marotta è Neymar, stella nascente del calcio brasiliano che si è messo in mostra nel Sudamericano Under 20 mettendo a segno 9 reti in 7 partite e 3 in altrettanti incontri con la Nazionale Maggiore. La stella ,seguita da mezza Europa, costa tanto. Il Santos lo valuta 40 milioni di euro. Concludiamo con la Roma del nuovo paperone americano Thomas DiBenedetto. La guida tecnica è ancora da stabilire, ma i nomi sono incoraggianti: si va da Villas Boas ad Ancelotti. Passando ai calciatori la situazione si fa più complicata: perso Mexes, passato al Milan, serve un centrale difensivo forte, ma di esperienza ed ecco che si fanno i nomi di Lugano del Fenerbahçe e Kjaer del Wolfsburg, con Astori del Cagliari come seconda scelta. A centrocampo il nome nuovo e quello di Lucho Gonzales del Marsiglia, mentre per l’attacco si pensa ad Hernandez del Palermo per sostituire il partente Jeremy Menez che ha già fatto sapere di non voler restare nella capitale.

Clemente Pesce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *