logo.png

30 marzo 2012 Scritto da 0 | Calcio

Maradona rischia la rissa per difendere la sua compagna

Tags:

Maradona rischia la rissa per difendere la sua compagna Nuovo polverone intorno a Diego Maradona a Dubai. L’ex calciatore del Napoli è stato trattenuto dalla sicurezza, durante la partita del campionato arabo tra Al Wasl (squadra che allena dal 2011) e Al Shabab, persa 2-0, per aver insultato i tifosi avversari in risposta alle ripetute minacce e insulti diretti da questi ultimi verso mogli e fidanzate dei suoi calciatori. Il Pibe de Oro urla “vigliacchi” ai tifosi del Al Shabab, scatenando fischi. Mogli e fidanzate dei calciatori dell’Al Wasl sono state poi scortate dalla polizia fuori dallo stadio. Media locali hanno informato che non c’è stato nessun ferito e la situazione è stata contenuta. L’argentino, da quando ha firmato un biennale con l’Al Wasl, si è visto coinvolto in diversi episodi non proprio edificanti.

Maradona rischia la rissa per difendere la sua compagna

Ha litigato con gli avversari, ha colpito involontariamente un tifoso con un calcio alla mano e ha visto il suo portiere squalificato per 17 partite per aver schiaffeggiato un allenatore avversario. Diego Armando Maradona non è certo la persona più placida che si possa incontrare sui campi da calcio. Questa volta, però, dimostra il suo lato umano cercando di difendere la sua compagna. Il Pibe de Oro scatta in tribuna mentre la partita è ancora in corso e accorre per difendere la sua donna. Rischia di innescarsi un parapiglia, ma l’intervento dell’esercito sistema tutto. “Anche se fossi stato tu a insultare la mia famiglia, credimi, sarei venuto sotto casa tua!”, ha detto poi Diego nella conferenza stampa post partita ad un giornalista.

Maradona rischia la rissa per difendere la sua compagna cosa ne pensi?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>