logo.png

17 aprile 2011 Scritto da 0 | Calcio

Le pagelle del Napoli

Tags:

De Sanctis 6,5. Pronti-via e grandissimo intervento su un bel tiro dell’ex Denis, destinato all’angolino alla destra del portierone. Incolpevole sui due gol, non si fa cogliere impreparato nell’ordinaria amministrazione.

Campagnaro 6. Armero non è un cliente facile, ma l’italo argentino regge il confronto finchè la squadra non collassa su se stessa. Nella ripresa cerca di spingere sulla fascia, quando Maggio cala. Prova anche la conclusione a rete, ma la testata indirizza il pallone a lato.

Cannavaro 6. Il doppio svantaggio è frutto di un rimpallo sfortunato su una prepotente discesa di Armero. Sarebbe eccessiva un’insufficienza per una prestazione nel complesso diligente e senza particolari sbavature.

Ruiz 5,5. Provvidenziale un recupero in extremis su Pinzi che stava per beffare la retroguardia azzurra. Denis è un osso duro nei contrasti aerei, ma lo spagnolo non cede un centimetro. Lo perde in occasione dello 0-2, colto di sorpresa dalla ripartenza bianconera.

Maggio 5,5. Si spegne dopo pochi minuti, si fa notare per poche, improvvise fiammate. Una di queste culmina in un colpo di testa che si stampa sulla traversa.

Yebda 6. Parte alla grande, con la solita intensità accompagnata anche da tanta qualità. Freddo nei passaggi, dimostra ancora una volta la sua personalità. Inspiegabile la sua uscita dal campo. Dal 67′ Mascara 6,5 – IL MIGLIORE. Poco tempo a disposizione, un paio di suggerimenti degni di nota e il gol della bandiera, valgono la palma del più in palla dei suoi.

Pazienza 5. Superficiale in un paio di appoggi, al terzo è costretto ad inseguire Inler che stava per approfittarne, guadagnando il giallo. Dal 63′ Gargano 6,5. Trova un potente tiro sugli sviluppo di una punizione che finisce poco distante dall’incrocio dei pali. Imbecca Cavani con un sontuoso lob, finalizzato da Mascara.

Dossena 5,5. Ci mette tanta voglia, ma come spesso è accaduto, non trova la misura del cross. Un traversone per Maggio, avrebbe meritato migliore sorte. Dal 75′ Lucarelli 6. Sgomita tanto e ottiene un calcio di rigore e l’espulsione di Domizzi.

Hamsik 5,5. Lavora un ottimo pallone per Cavani che non trova il gol con un tiro a giro troppo alto. Nella ripresa manda a lato un cross mal controllato da Inler in area. Non trova il bandolo della matassa.

Lavezzi 4,5. Handanovic al 40′ gli nega la gioia del gol deviando sulla traversa un tocco a distanza ravvicinata su traversone teso di Cavani. Sembra risentire dei guai al ginocchio accusati in settimana. Rinuncia finalmente al dribbling dedicandosi ai filtranti, ma non riesce neanche in quello. Idem con patate quando cerca il tiro dalla distanza. Nervoso, riceve un’ammonizione che gli farà saltare il match col Palermo.

Cavani 4,5. Due tiri in undici minuti, il secondo di un soffio a lato, poi il nulla. Sbaglia il rigore che avrebbe accorciato il gap con gli avversari. Liscia un bel filtrante di Gargano, la figuraccia è alleviata dall’opportunismo di Mascara.

Mazzarri 5. Sarebbe inopportuno e da ingrati metterlo proprio adesso sotto accusa, ma la prestazione dei suoi è stata tra le peggiori della stagione. La squadra punge sporadicamente, la sfortuna ci mette il resto, ma non può essere un alibi. A differenza del trend di stagione la squadra rientra dagli spogliatoi più scarica, l’Udinese ne approfitta con una grande conclusione di Inler, poi su un contropiede che parte da uno dei tanti errori di Lavezzi. Forse l’argentino andava richiamato in panchina al posto di Yebda, date anche le sue non perfette condizioni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>