22 giugno 2011 Scritto da 0 | Calcio

Il pomeriggio di Salernitana Verona

Nel primo pomeriggio già si vedevano alcuni tifosi diretti all’Arechi di Salerno nei paesi limitrofi, per sperare nella grande rimonta che avrebbe permesso alla Salernitana di essere promossa in B vincendo 2-o per poi mantenere il risultato nei tempi supplementari , visto che il Verona al Bentegodi aveva vinto 2-o.Per la Salernitana la serie B era importante anche per risolvere i problemi societari. Verso le 16.15 la tensione già era alta con polizia presidiare i cavalcavia dell’ a 3 verso Salerno.In seguito arrivavano i primi pullman dei tifosi del Verona scortati dalle camionette della polizia.Dopo alle ore 16.30 era il momento dell’arrivo della squadra ospite scortata da un elicottero e dalla polizia che deviava il traffico all’ altezza di Fisciano in direzione Sud dell’ a .30.Alle 17.30 il Sindaco di Salerno De luca  dichiarava ad una televisione Salernitana che il flusso dei tifosi procedeva bene e che c’erano dei tifosi provenienti anche da altre città. La partita ha avuto inizio alle ore 18.00 , l’Arechi si è trasformato in un catino per via dei venticinque mila spettatori  dove persino  i giocatori in campo non riuscivano a sentire il fischio dell’arbitro. La Salernitana ha iniziato subito  a pressare il Verona senza trovare la via del goal. Al 16 minuto il primo brutto episodio un petardo lanciato dal settore distinti colpita un assistente facendo sospendere la partita per due minuti. Quando sembrava che il Verona controllasse bene la partita ecco l’ingenuità per un fallo su Ragusa, l’arbitro dava un calcio di rigore alla Salernitana trasformato da Carrus.Nel secondo tempo si aspettava un arrembaggio granata che non è arrivato perchè il Verona alzava il baricentro ed allentava la pressione fino alla fine della gara. Al triplice fischio veniva giu’ tutta la delusione dell’ambiente Granata , con il giocatore Murolo che provava ad aggredire il tecnico del Verona Mandorlini e con il pubblico che continuava a a lanciare in campo Petardi ed altri oggetti verso i tifosi del Verona nel settore ospiti e verso i giocatori e il tecnico del Verona andati a festeggiare sotto la loro curva la promozione in B. Questo perchè il tecnico Mandorlini aveva offeso la dirigenza Salernitana prima della partita del’andata.Alla fine il Verona usciva da una parte laterale e all’uscita gli Ultras Granata scatenavano una guerriglia con la Polizia per cercare un varco in curva Nord per entrare a contatto con i Veronesi. Dopo un fitto lancio di Lacrimogeni e Petardi la polizia arrestava dieci ultras Granata e verso le ore 22.00 i tifosi del Verona festanti potevano lasciare l’Arechi scortati dalle forze dell’ordine. Spero che Salerno si ancora nel calcio che conta perchè  se lo merita.Claudio Gervasio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *