2 novembre 2011 Scritto da 0 | Champions League

Il Milan impatta incredibilmente in Bielorussia

Tags:

Il Milan impatta incredibilmente in Bielorussia Stasera alle ore 18.00 per via del fuso orario il Milan ha giocato contro ll Bate Borisov valevole per la quarta giornata di Champions league.

Il Milan impatta incredibilmente in Bielorussia

Il Milan è andato in campo anche pensando ad Antonio Cassano ricoverato in ospedale per un malore improvviso di ritorno dalla vittoriosa trasferta di Roma in campionato. Allegri voleva vincere questa partita per dedicarla a Cassano. Subito fin dall’inizio il Milan ha attaccato cercando di segnare sprecando con Robinho. Verso metà del primo tempo botta di Ibra su punizione , ma il portiere del Bate fa buona guardia. Al ventiduesimo minuto Milan in vantaggio dopo una palla recuperata da Ibra bravo poi ad eludere il fuorigioco e a ricevere l’assist di Robinho. Dopo ancora un ‘occasione sprecata da Robinho che fa tutto bene fino al momento della conclusione che sbatte sul palo a porta vuota. Il Milan dopo sembra controllare agevolmente. Ma già nei primi minuti della ripresa il Milan soffriva la verve dei padroni di casa che trovavano il pareggio su rigore dubbio dopo un atterramento di Abate in area di rigore. In seguito il Milan si buttava a capofitto per cercare il goal vittoria , ma concedendosi anche al contropiede avversario con Abbiati bravissimo a salvare la porta nei minuti finali. La partita poi si accendeva con il passare dei minuti con i Bielorussi che la mettevano sul piano fisico per sopperire al divario tecnico. Alla fine Allegri le provava tutte inserendo il giovane Ganz al posto di Robinho. Nel dopopartita grande rammarico perché con questo pareggio l’obiettivo del primo posto potrebbe complicarsi in chiave primo posto se il Barcellona ne saprà approfittare in trasferta a Pilzen in Repubblica Ceca. Allegri nel dopo gara era rammaricato per la mancanza di cinismo e per i tre punti buttati via in chiave primo posto.

Il Milan impatta incredibilmente in Bielorussia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *