logo.png

13 ottobre 2011 Scritto da 0 | Calciatori

Javier Zanetti una splendida carriera

Tags:

Javier Zanetti una splendida carriera esordisce in serie A 16 anni fa nel 1995 con la maglia dell’Inter diventandone dopo pochi anni capitano indiscusso. Uno dei pochi giocatori straordinari nel rispetto, sempre solare , che ha sposato da sempre i colori neorazzurri , capace di giocare per tre anni consecutivi sempre da titolare battendo il record di presenze consecutive.

Javier Zanetti una splendida carriera

Zanetti dopo tre stagioni concluse al secondo posto in Italia, riesce a conquistare e ad alzare un trofeo dopo tre anni vincendo la Coppa Uefa contro la Lazio in un derby tutto italiano con un goal di Ronaldo. Nel 1997 1998 l’Inter perse lo scudetto a causa del famoso scontro Iuliano -Ronaldo in un Inter Juve con l’arbitro Ceccarini che non concesse il rigore. Sul capovolgimento di fronte la Juve segnò, a quel punto si scatenò la rabbia dei giocatori ed anche della panchina con il tecnico Gigi Simoni che piombò in campo come una furia. Dopo qualche anno buio con addirittura una partecipazione in coppa Uefa con Lippi in panchina nella stagione 2002 2003, con la retrocessione della Juve in B post Calciopoli iniziò il periodo d’oro in neroazzurro.

Nella stagione 2006 2007 fu la stagione dei record con le diciassette vittorie consecutive iniziò il duello con la Roma che terminò nel 2010.Dopo lo scudetto vinto Zanetti festeggiò con tutti gli altri compagni negli spogliatoi con il coro:” senza rubare vinciamo senza rubare” , rivolto ai rivali di sempre i Bianconeri. Nella stagione seguente che fu l’ultima di Mancini sulla panchina neorazzurra dopo che dominò di nuovo il campionato ebbe una flessione e l’Inter riusci’ a conquistare lo scudetto all’ultima giornata contro il Parma sotto il diluvio. In tutto fino al 2011 Zanetti con l’Inter ha vinto quattro Coppe Italia e quattro Supercoppe Italiane sempre in duelli molto belli ed arcigni con la Roma. In campo Internazionale invece, dopo il trofeo alzato nel 1998 dovette aspettare il 2010, l’anno del triplete con lo Special one Jose Mourinho vincendo la Champions League con il Bayern Monaco in finale a Madrid dopo essere stata eliminata per quattro volte di seguito nei quarti. Ma il vero capolavoro tattico fu quello di battere il Barcellona del probabile erede di Maradona cioè Messi.

Dopo la parentesi con Mourinho nella passata stagione incominciò quella di Benitez che prima di andarsene per dissapori con il presidente Moratti ,riusci’ a far alzare gli ultimi trofei a Zanetti da capitano vincendo la Supercoppa Italiana contro la Roma e vincendo i mondiale per Club in Giappone, ma perdendo la Supercoppa Euopea contro l’Atelico Madrid a Montecarlo. L’anno passato riusci’ a vincere anche con Leonardo la sua quarta Coppa Italia battendo il Palermo in finale. Dopo tanti anni che Moratti ha speso tanto e indebitato l’Inter, finalmente per il grande capitano sono arrivati momenti di gloria. J Zanetti per l’Inter è una vera e propria bandiera ed è un esempio da seguire per tutti i giovani. Poche settimane fa in questa stagione partita non troppo bene con l’esonero di Gasperini ed il cambiamento in corsa con Ranieri ha avuto la soddisfazione di arrivare a 7578 presenze in maglia interista superando Beppe Bergomi. Nell’ultima partita di campionato contro il Napoli , Zanetti probabilmente innervosito dall’arbitro Rocchi ha rischiato come non mai l’espulsione per doppia ammonizione.

Javier Zanetti una splendida carriera cosa ne pensi?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>