16 ottobre 2011 Scritto da 0 | Calciatori

Emanuele Blasi una buona carriera

Tags:

Emanuele Blasi una buona carriera nasce a Civitavecchia il 17 agosto 1980.Agli esordi viene prelevato dalla Roma che lo gira in prestito al lecce in B nel 1998 per fargli fare esperienza.

Emanuele Blasi una buona carriera

Esordisce in A il 22 gennaio 2000 in un campionato contro il Piacenza. La Roma poi lo cede al Perugia nell’ambito dell’operazione Nakatà. La Juventus l’acquista nel 2003 ma lo gira al Parma dove gioca con Adriano, Mutu e Gilardino. Purtroppo gioca poco perche’ in una partita contro la sue ex squadra il Perugia risulta positivo al nandrolone in un controllo anti doping viene prima sospeso in via cautelativa e poi squalificato per sei mesi. Nelle due stagioni in Bianconero gioca molto soprattutto la prima stagione dove è titolare fisso ,nella stagione 2004 2005 a centrocampo insieme ad Appiah, Tacchinardi ed Emerson. Nella stagione 2005 2006 Capello per farlo giocare si inventa un nuovo ruolo per lui terzino destro dopo l’arrivo alla Juve di Viera e di Chiellini futuro Nazionale, Zambrotta si spostò sula corsia di destra e per Blasi ormai non c’era piu’ posto. La sua migliore partita da terzino destro la giocò contro il Bruges in Champions League. Dopo che la Juve fu retrocessa in B in seguito a calciopoli lo cede in prestito con diritto di riscatto alla Fiorentina, in maglia viola in un Fiorentina Reggina segna il suo primo goal in serie A.A fine stagione torna alla Juve, che lo cede in comproprietà poi al Napoli nella stagione 2007 2008.Con Reja il primo anno contribuisce con i suoi grandi interventi a centrocampo alla qualificazione in Intertoto e poi in Coppa uefa. Anche se dimostra in qualche caso troppa esuberanza prendendosi in tutto il campionato ben 12 cartellini gialli. Nella stagione seguente viene coinvolto nel marasma totale della squadra, da gennaio in poi dove dimostra di non essere piu’ nella condizione della stagione precedente rimediando piu’ cartellini rossi. Nella stagione 2009 2010 il Napoli lo da in prestito al Palermo, dopo aver giocato un derby di coppa Italia contro la Salernitana vinto tre a zero e senza aver giocato nelle prime due giornate di campionato. In maglia Rosanero con Delio Rossi in panchina riesce quasi sempre ad essere titolare, con l’avvento di Walter Zenga sta quasi sempre in tribuna. Torna a Napoli nella stagione 2010 2011 dove in tutta la stagione gioca quattro volte facendo due spezzoni in campionato alla prima giornata contro la Fiorentina facendosi espellere,contro il Brescia per contenere il risultato e in Europa League nel play Off contro l’Elsborg. In coppa Italia gioca una partita intera contro il Bologna. Il Napoli insieme Santacroce lo cede al Parma a titolo definitivo, nell ‘operazione Dzemaili .Domani anche lui riabbraccerà il suo pubblico, anche se a differenza dell’italo brasiliano ha giocato qualche spezzone di gara. In nazionale dopo aver fatto la trafila nelle giovanili con Lippi in panchina ha esordito nell’amichevole contro l’Islanda totalizzando 8 presenze.

Emanuele Blasi una buona carriera cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *